Il nuovo impianto di bioconversione, dimensionato per una produzione annua di oltre 10.000 Tonnellate annue di fertilizzanti organici fermentati a freddo, sorge su di un terreno di circa 30.000 mq adiacente alla Nuova Pollipoli, e si articola su un'area complessiva di circa 8.000 mq di strutture coperte attrezzate con moderni macchinari.
Il cuore dell'impianto è costituito da un capannone adibito alla ricezione, stoccaggio e fermentazione delle sostanze organiche, ove quotidianamente le biomasse vengono avviate alla biostabilizzazione accelerata in fosse statiche tramite una macchina rivoltatrice automatica.

Durante questa fase di fermentazione aerobica, apposite sonde controllano la temperatura delle biomasse e un impianto automatico provvede all'insufflaggio dell'aria per la completa maturazione delle frazioni organiche. Il processo di compostaggio ha una durata di circa 60 giorni. Successivamente le biomasse compostate vengono trasferite e accumulate in un'apposita serra, ove stazionano per almeno altri 90 giorni, durante i quali periodicamente vengono rivoltate per l'umificazione ed il finissaggio finale delle frazioni organiche.

L'intero processo produttivo prevede ulteriori comparti per lo stoccaggio, il dosaggio e miscelazione, il vaglio, la cubettatura, l'insacco, la palettizazione e l'immagazzinamento dei prodotti finiti.